Il dono di Humboldt di Saul Bellow Rizzoli 1977

Il dono di Humboldt di Saul Bellow Rizzoli 1977

15,00

Disponibile

Il dono di Humboldt di Saul Bellow Rizzoli 1977

Disponibile

COD: G/SCA/NARR/0113 Categoria: Etichette: , , ,

Descrizione

“Il dono di Humboldt” di Saul Bellow (G/SCA/NARR/0113)
Romanzo Rizzoli ed. 1977. Traduzione Pier Francesco Paolini. Copertina rigida più sovraccoperta. Pagine 483. Nessuna pagine mancante. Come da fotografia.
“E’ grosso modo il libro comico sulla morte”. Così lo stesso Saul Bellow ha definito – in un’intervista a Newsweek – il suo ultimo, attesissimo, celebrato e discusso romanzo. Giunto alla maturità, il protagonista Charles Citrine – coetaneo e in gran parte alter ego dell’Autore – si trova sbalzato, da un mondo di quasi-certezze e di quasi-sicurezza (in primo luogo quella offerta dal denaro, “linfa vitale della società”) in un pantano di dubbi, di rimorsi metafisici e preoccupazioni pratiche. Le sue giornate sono una congerie di buffe assurdità. E’ attaccato da ogni parte: l’ex moglie lo cita in tribunale per spolparlo, l’amante briga per incastrarlo in una nuova trappola nuziale, il fisco lo tartassa, un amico imbroglione colto e snob lo salassa. Poi ci si mette anche un gangster da quattro soldi – pazzoide ma a suo modo affascinante –  a strapazzarlo per bene, alternando fantasiose minacce a fantastiche proposte. Se il futuro è inquietante, il passato non è meno incerto. E’, infatti, soprattutto un ricordo a non dar requie a Citrine: quello del suo amico Humboldt, poeta dall’esordio folgorante, negli anni Trenta, poi travolto da machiavelliche ambizioni di potere, risucchiato nel gorgo della follia, morto in miseria in uno squallido albergo, abbandonato da tutti, anche – ahilui – dall’amico fraterno Citrine…