Nascita e storia del Premio Nobel

Nascita e storia del Premio Nobel

Alfred Bernhard Nobel (1833-1896), fondatore del Premio, veniva da una ricchissima famiglia svedese e discendente dal celebre naturalista Rudbeck che, per primo, fece una minuta ed ampia descrizione dei vasi linfatici e fu il riorganizzatore dell’Università di Uppsala. Rudbeck, oltre ad essere un grande studioso, fu anche un orgoglioso amatore del suo Paese e lasciò scritto il libro l’Atland, con il quale tentò di dimostrare come gli Svedesi siano il popolo più civilizzato della terra.
Il pronipote di questo scienziato fu il padre di Alfred Nobel. Egli, anziché perdersi fra le ricerche scientifiche, fu più pratico: ai tempi della guerra della Crimea fornì armi alla Russia e fabbricò per primo le mine sottomarine. Da qui accrebbe maggiormente la sua fortuna iniziando il commercio e il trasporto con navi cisterne del petrolio di Bakou, dove, insieme ai figli, aveva acquistato la maggior parte dei pozzi.
Alfred Nobel, che non si era unito ai fratelli e al padre in questo commercio, forse per non rimanere al disotto di loro quanto a materie infiammabili, dopo intensi ed accurati studi e ricerche, riuscì a trovare la formula del più grande esplosivo che l’umanità ha conosciuto: la dinamite, che fu subito sperimentata con successo nella guerra franco-prussiana.
A eseguito degli effetti micidiali ottenuti con l’esplosivo di sua invenzione, pensò poi di premiare gli zelatori della pace.
Infatti, quando morendo il 10 dicembre del 1896, lasciò la sua sostanza di 45 milioni destinata a formare un fondo, i cui interessi fossero distribuiti tutti gli anni per ricompensare coloro che fossero stati più utili all’umanità nella pace, nella medicina, nella letteratura, eccetera.
Nobel scrisse nel suo testamento: “E’ mia assoluta volontà che la nazionalità non debba avere alcuna influenza sulla distribuzione di questo premio. Solo il più degno, il più meritevole deve averlo, scandinavo o no”.

Curiosità da Nobel:

La scoperta del metodo di cura della demenza paralitica mediante l’inoculazione della malaria terzana si deve al Prof. Julius Wagner-Javregg, insignito nel 1927 del premio Nobel, morto il 27 settembre 1940 a Vienna.

 

2017-11-16T09:22:49+00:00 Articoli e recensioni|